Carico e scarico delle acque di zavorra

Bilanciamento dell'assetto di galleggiamento

Il carico e scarico delle acque di zavorra viene utilizzato per stabilizzare le navi in ​​mare nelle varie fasi di navigazione, l'acqua di zavorra viene pompata per mantenere condizioni operative sicure durante il viaggio.

Questa pratica riduce lo stress sullo scafo, fornisce stabilità trasversale, migliora la propulsione e la manovrabilità e compensa le variazioni di peso nei vari livelli di carico, inclusi carburante e acqua.

 

Rischi e conseguenze dell'alterazione degli ecosistemi

Sebbene l'acqua di zavorra sia essenziale per operazioni di navigazione moderne, sicure ed efficienti, può porre seri problemi ecologici, economici e sanitari a causa della moltitudine di specie marine trasportate nell'acqua di zavorra delle navi.

Negli anni passati, infatti, le operazioni di carico e scarico delle acque di zavorra in aree geografiche diverse hanno prodotto significativi squilibri degli ecosistemi marini locali, causati dall’introduzione di specie invasive quali batteri, microbi, piccoli invertebrati, uova, cisti e larve di varie specie.

Le specie trasferite possono sopravvivere per stabilire una popolazione riproduttiva nell'ambiente ospite, diventando specie autoctone invasive in competizione tra loro e moltiplicandosi in proporzioni parassitarie.

Gli scienziati hanno riconosciuto per la prima volta i segni di un'introduzione di specie aliene dopo un'apparizione di massa dell'alga fitoplanctonica asiatica Odontella (Biddulphia sinensis) nel Mare del Nord nel 1903. Ma è stato solo negli anni '70 che la comunità scientifica ha iniziato a esaminare il problema in dettaglio. Alla fine degli anni '80, il Canada e l'Australia erano tra i paesi che avevano problemi particolari con le specie invasive e portarono le loro preoccupazioni all'attenzione del Comitato per la protezione dell'ambiente marino (MEPC) dell'IMO.

Il problema delle specie invasive nell'acqua di zavorra delle navi è in gran parte dovuto all'espansione del commercio e del volume di traffico negli ultimi decenni e, poiché i volumi del commercio via mare continuano ad aumentare, il problema potrebbe non aver ancora raggiunto il suo apice. Gli effetti in molte aree del mondo sono stati devastanti e i dati quantitativi mostrano che il tasso di bio-invasioni continua ad aumentare a un ritmo allarmante e nuove aree vengono continuamente invase.

La diffusione di specie invasive è ormai riconosciuta come una delle maggiori minacce al benessere ecologico ed economico del pianeta. Queste specie stanno causando enormi danni alla biodiversità e alle preziose ricchezze naturali della terra da cui dipendiamo. Gli effetti diretti e indiretti sulla salute stanno diventando sempre più gravi e i danni all'ambiente sono spesso irreversibili.

 

Il Ballast Water Code: lo strumento normativo per la tutela della biodiversità

L’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO) ha introdotto nel 2004 il Ballast Water Code (BWC) per affrontare il controllo e la gestione  dell’acqua e dei sedimenti delle acque di zavorra per tutte le navi superiori a 400 gt.

La convenzione di gestione delle acque di zavorra (BWMC), entrata in vigore l’8 settembre 2017, impone alle navi di trattare le acque contenute nei serbatoi per rimuovere le specie invasive quali l’Undaria Asiatica, il Vibrione del Colera, il Granchio verde europeo, la Stella marina del nord Pacifico o renderle innocue prima dello scarico nei porti di arrivo, rilasciando un certificato internazionale e annotando ogni movimento su un apposito registro.

 

L'approvazione dei Sistemi di Gestione delle Acque di Zavorra

Durante il processo di sviluppo della Convenzione BWM, sono stati compiuti notevoli sforzi per formulare standard appropriati per la gestione delle acque di zavorra. Sono stati definiti quindi gli standard per lo scambio dell'acqua di zavorra in mare aperto e gli standard di qualità per il suo scarico. Le navi che effettuano lo scambio di acqua di zavorra devono farlo con un'efficienza del 95% di scambio volumetrico di acqua di zavorra e le navi che utilizzano un sistema di gestione dell'acqua di zavorra (BWMS) devono soddisfare uno standard di qualità basato su un numero concordato di organismi per unità di volume.

Il Regolamento D-3 della Convenzione BWM richiede che i sistemi di gestione dell'acqua di zavorra utilizzati per conformarsi alla Convenzione debbano essere approvati dall'Amministrazione tenendo conto delle Linee guida per l'approvazione dei sistemi di gestione dell'acqua di zavorra (G8). Le Linee guida (G8) sono state riviste nel 2016 e convertite in un Codice obbligatorio per l'approvazione dei sistemi di gestione delle acque di zavorra (Codice BWMS), adottato da MEPC 72 (aprile 2018) ed entrato in vigore nell'ottobre 2019.

Il Regolamento D-3 richiede anche che i sistemi di gestione dell'acqua di zavorra che fanno uso di Sostanze Attive, per conformarsi alla Convenzione, siano approvati dall'IMO in conformità con la Procedura per l'approvazione dei sistemi di gestione dell'acqua di zavorra che fanno uso di Sostanze Attive (G9).

La procedura G9 consiste in un processo a due livelli: approvazione di base e approvazione finale, per garantire che il sistema di gestione dell'acqua di zavorra non ponga rischi irragionevoli per l'ambiente, la salute umana, la proprietà o le risorse.

Approfondisci e scarica la Convenzione IMO BWM
icona trattamento acque di zavorra

La gestione dell'acqua di zavorra

La gestione dell'acqua di zavorra si svolge in tre fasi:

  • Carico: durante lo zavorramento, l'acqua viene filtrata a 50 micron per rimuovere particelle e organismi e, dopo essere stata trattata, viene poi convogliata al sistema di zavorramento della nave.
  • Trattamento di disinfezione: le principali tecnologie utilizzate per questa fase, fondamentale per la gestione delle acque di zavorra, sono l'irraggiamento UV e il dosaggio di trattamenti chimici con ozono o cloro. 
  • Scarico: è consentito solo quando è garantita la sicurezza dell'equipaggio e della nave e può avvenire tramite scambio in mare aperto o scarico in area designata dallo Stato di approdo. In ogni caso queste operazioni devono garantire il rispetto delle linee guida indicate dalla Convenzione e in conformità con il Certificato Internazionale di Gestione delle Acque di Zavorra (IBWMC).
Valvola a farfalla in PVCU serie FK prodotta da FIP per applicazioni heavy duty

Le soluzioni Aliaxis

FK Heavy duty Valvola a farfalla con blocco maniglia

Dati tecnici

  • Standard: UNI EN ISO 1452, UNI EN ISO 15493, UNI EN ISO 15494
  • Gamma dimensionale: DN40 - DN 400
  • Giunzione: Flangiatura ISO 9624, ISO 7005-1, EN 1092-1, DIN 2501, ANSI B16.5 Cl.150
  • Pressione nominale:

- Versione wafer: DN 40÷250: PN 10 - DN 300: PN 8, DN 350: PN 7 - DN 400: PN 6 con acqua a 20 °C

- Versione Lug: DN 65÷200: PN 10 - DN 250÷300: PN 6 con acqua a 20 °C

  • Materiale corpo: PP-GR
  • Materiali del disco: PVC-U, PVC-C, ABS, PP-H
  • Stelo: Acciaio AISI 316
  • Materiali tenuta: EPDM, FKM
  • Ampia gamma di versioni ad azionamento manuale e con attuatore elettrico o pneumatico

Vantaggi

  • Elevata resistenza meccanica grazie al corpo in polipropilene rinforzato fibra di vetro (PP-GR)
  • Versione Lug con possibilità di installazione anche come valvola di fine linea o di scarico di fondo o di scarico rapido da serbatoio.
  • Buon comportamento al fuoco (conformità con test di bassa propagazione della fiamma secondo ASTM D 635)

Plus

  • Possibilità di blocco, sblocco, manovra rapida e regolazione graduata in 10 posizioni intermedie grazie alla maniglia ergonomica in HIPVC
  • Performance di alto livello nel tempo grazie allo stelo in acciaio INOX completamente isolato dal fluido a sezione quadra secondo ISO 5211.
Gruppo di raccordi in PE 100 per elettrofusione
Sistema di Tubi e Raccordi in PE100 per Elettrofusione

Dati tecnici

  • Standard per tubazioni: UNI EN 12666
  • Gamma dimensionale:

- Tubi fino a d1200mm

- Raccordi: Saldatura testa a testa d16mm-800mm; Elettrofusione d20mm-1200mm

  • Giunzione: saldatura testa a testa, elettrofusione
  • Campo di temperatura: -20°C ÷ +60°C
  • Pressione nominale: PN 10-16 con acqua a 20 °C

Vantaggi

  • Materiale leggero, flessibile e resistente all’impatto, completamente riciclabile
  • Adatto a tubazioni sollecitate longitudinalmente grazie all'elasticità intrinseca del materiale
  • Installazione facile e sicura con le tecniche di saldatura di testa o elettrofusione
sensore per la misura del cloro della linea di strumentazione FIP-FLS
Strumentazione FLS per il monitoraggio della disinfezione

La misurazione dei parametri nei vari sistemi consente di ottimizzare il rendimento e di intervenire in maniera efficace sia nella gestione ordinaria che straordinaria dei singoli processi.

Misurazione di RedOx e Cloro

Per rispettare le direttive indicate dalla BWMC, è necessario implementare la movimentazione dell’acqua di zavorra con sistemi di disinfezione che si basano sull’impiego di prodotti chimici a base di cloro, di ozono o tramite irradiazione UV. Sebbene il trattamento con raggi UV abbia incontrato un crescente apprezzamento, la clorazione resta ancora oggi la tecnica che garantisce il miglior compromesso fra efficienza, eco-compatibilità e costi di esercizio. Il processo di clorazione delle acque di zavorra può avvenire sia tramite dosaggio di ipoclorito, prodotto per elettrolisi dall’acqua di mare, sia dalla produzione in-situ di diossido di cloro.

La gamma di strumentazione FLS consente il monitoraggio di tali processi con semplici sonde RedOx o con più specifici sensori per la misurazione di cloro libero o di diossido di cloro.

Giunto Straub Metal-Grip in acciaio INOX
Giunti meccanici per tubi in metallo e plastica

Dati tecnici

  • Gamma dimensionale: 30,0 ÷ 609, 6 mm
  • Campo di temperatura: da -30°C a +100°C
  • Boccola di tenuta EPDM, NBR, FKM
  • Componenti/Materiali:

- Corpo: AISI 316L o simile

- Bulloni: A4 - 80

- Tiranti: AISI 316L o simile

- Inserto a nastro (opzione): AISI 316L o simile/PVDF

Vantaggi

  • Installazione su linee ravvicinate o in spazi ridotti grazie alla compattezza del design.
  • Tempo di installazione minimo e tempo di inattività ottimizzato
  • Compensazione dei disallineamenti assiale e deviazioni angolari. Giunzione e compensazione in un unico elemento.
  • Peso ridotto del 75% rispetto a connessioni per flangiatura, incremento del carico utile.
  • Riduzione dello stress meccanico delle tubazioni da vibrazioni, oscillazioni e da colpi d’ariete.
  • Applicabile su tubi in metallo e in plastica (con l’utilizzo dell’anello di rinforzo).

Contattaci per info tecniche sui prodotti e per ricevere il catalogo

*campo obbligatorio

Download

Soluzioni per la cantieristica navale
3.2 MB, PDF get_app

Contatta il nostro esperto di settore

Alberto Claveri
Aliaxis Italia Segment Manager Industry
+39 335 7490 115
aclaveri@aliaxis.com